Un Mare senza Barriere

Associazione GV3

L’Associazione GV3 a Gonfie Vele versa la Vita di Brindisi organizza regate in barca permettendo a ragazzi disabili e appartenenti a famiglie disagiate di trascorrere momenti unici in mare sulla “BARON”, una barca donata alla GV3 dalla Guardia di Finanza dopo un sequestro effettuato a un’organizzazione criminale che la utilizzava per il traffico di essere umani.

Da tempo l’Associazione GV3 riceveva richieste, da parte di atleti paraplegici, per partecipare a corsi di vela sulle imbarcazioni in dotazione all’Associazione. 

Normalmente le limitazioni fisiche non costituiscono un problema alla conduzione dell’imbarcazione in quanto, soprattutto su piccoli natanti, le manovre sono accessibili dal pozzetto.

Il problema dell’imbarco di un disabile costituisce invece una vera e propria barriera architettonica.

La persona paraplegica deve essere sollevata dalla carrozzina e deve essere adagiata all’interno del pozzetto dell’imbarcazione.

Questa operazione deve essere fatta con la massima attenzione in quanto, eventuali errori di manovra, possono determinare danni agli arti del disabile. Spesso, per evitare rischi, i ragazzi desistono e rifiutano l’imbarco. 

L’associazione aveva in dotazione un’imbarcazione di 6.10mt (modello J24) non scuffiabile che poteva essere utilizzata per corsi di vela per disabili. Tale imbarcazione era ormeggiata presso il Marina di Brindisi. In tale luogo purtroppo non era presente alcun mezzo di sollevamento per coadiuvare l’imbarco di ragazzi in carrozzella.

L’occasione per realizzare una soluzione definitiva e sicura si presenta con il Bando Salute Pubblica 2020 di Fondazione Puglia al quale l’Associazione GV3 partecipa con il progetto “Un Mare senza Barriere” che viene ammesso a finanziamento con un contributo di euro 10.000. 

Il progetto ha permesso la realizzazione di una stazione di imbarco per disabili attraverso la costruzione e installazione di un  “paranco” presso la Marina di Brindisi e permette a molti disabili, che sono interessati a praticare lo sport della vela, di imbarcarsi sulle barche messe a disposizione dell’Associazione GV3, per svolgere tale attività. Lo sport per la vita di un disabile è indispensabile per il suo equilibrio psico-fisico e per il suo benessere.

La GV3 mette a disposizione un istruttore con lo scopo di avviare i disabili all’attività sportiva e a renderli capaci di condurre in autonomia una barca a vela. Sarà inoltre possibile introdurre persone a ridotta mobilità verso percorsi di vela-terapia.

Il sollevatore è a disposizione della Marina di Brindisi e può essere utilizzato anche da turisti a ridotta mobilità in modo da permettere un turismo accessibile a tutti, in quella zona della marina di Brindisi.

Testimonial d’eccezione del progetto è stato il grande Andrea Stella che con il suo catamarano senza barriere ha attraversato l’oceano per diffondere i diritti dei disabili, il quale si è anche prestato alla inaugurazione del sollevatore.

 

Alcune foto dell’inaugurazione del sollevatore con Andrea Stella che con il suo catamarano senza barriere ha attraversato l’oceano per diffondere i diritti dei disabili.

Condividi